ISSN 2464-9694
close
Contratto di Locazione e registrazione tardiva con effetto sanante
Giurisprudenza - giurisprudenza civile - Giurisprudenza Sezioni Unite - Primo Piano - Sezioni Unite

Contratto di Locazione e registrazione tardiva con effetto sanante

Cass. civ., sez. III, Ordinanza  20 dicembre 2018, n. 32934 – Pres. Vivaldi, Rel. Scrima

 Il contratto di locazione di immobili ad uso abitativo, ove non registrato nei termini di legge, è nullo ai sensi dell’art. 1, comma 346, della l. n. 311 del 2004, ma, in caso di tardiva registrazione, può comunque produrre i suoi effetti con decorrenza “ex tunc”, sia pure limitatamente al periodo di durata del rapporto indicato nel contratto successivamente registrato.

 [Nel caso la Sezione – richiamato il disposto dell’art. 1, comma 346, della legge n.311/04, per cui, indipendentemente dall’uso abitativo o meno cui l’immobile sia destinato, i contratti di locazione, o che comunque costituiscono diritti relativi di godimento, di unità immobiliari ovvero di loro porzioni, comunque stipulati, sono nulli se, ricorrendone i presupposti, essi non sono registrati - ha ribadito il principio di diritto di cui  alla sentenza delle Sezioni Unite n. 23601/17 (ovverosia la registrazione tardiva sana la nullità ex tunc), limitandone però la portata nei sensi di cui alla massima.].

 

Clicca qui per la sentenza completa


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *